Italiano | english | Deutsch
MART

museo di arte moderna
e contemporanea
di trento e rovereto

  • Luca Vitone, "Gli occhi di Segantini", 2007, installation view
  • Luca Vitone, "Gli occhi di Segantini", 2007, installation view
  • Luca Vitone, "Gli occhi di Segantini", 2007, installation view

Luca Vitone
Gli occhi di Segantini

 
Mart Rovereto
23 giugno 2007 / 23 settembre 2007
 
G

li occhi di Segantini è l’opera che Luca Vitone ha realizzato appositamente per gli spazi esterni del Mart. Uso a intervenire sulla storia del contesto in cui espone, in questa occasione l’artista ha pensato al Trentino, al suo maggior pittore del passato, Giovanni Segantini
Ne è nato un omaggio che è anche una riflessione sul rapporto fra arte e natura: Vitone propone infatti la ricostruzione in misure reali e nello stesso materiale, il legno, dello studio di Segantini a Maloja, che replica in misura minore il Padiglione Svizzero progettato dall’artista per l’Esposizione Universale di Parigi del 1900, dove una grande pittura panoramica avrebbe dovuto celebrare le bellezze naturali dell’Engadina. Il progetto non fu realizzato, e con l’opera di oggi Luca Vitone lo commemora e ne onora la grandiosità.
L’Engadina, nel Cantone svizzero dei Grigioni, è la regione dove Segantini visse e lavorò a lungo, ispirato dal paesaggio, e dove morì. Le grandi dimensioni dell’opera consentono al pubblico di entrare nell’interno circolare per vedere delineato il profilo dei monti che Segantini vedeva ogni giorno e che ha così spesso magnificamente rappresentato nella sua pittura.

 

A cura di Giorgio Verzotti